Resine per aziende vitivinicole: come rivestire le aree interne

Resine per aziende vitivinicole: come rivestire le aree interne?

Rivestimenti in resina per le aree interne delle aziende vitivinicole

Abbiamo già visto quali sono le principali ragioni per rinnovare la propria azienda vitivinicola con dei sistemi di resine adatti per gli spazi interni ed esterni, le coperture, le aree di lavorazione e ricevimento.

A proposito di queste ultime, le superfici non sono tutte uguali e possono distinguersi:

  • per la loro destinazione d’uso;
  • a causa dei carichi a cui sono sottoposte;
  • per il materiale di cui sono fatte.

Queste variabili già bastano a differenziare anche i rivestimenti resinosi ideali per ciascuna situazione: è quello che cercheremo di capire nel corso dell’articolo.

Come trattare le diverse aree interne di un’azienda vitivinicola nel migliore dei modi, e soprattutto, con il corretto sistema di resine?

Vediamolo in dettaglio.

#1 Aree di ricevimento materie prime

Soggette a movimenti continui dovuti al ricevimento e all’immagazzinaggio delle materie prime, queste aree necessitano di un sistema di rivestimento che risponda adeguatamente alle sollecitazioni continue. Inoltre, deve anche avere buone resistenze meccaniche e chimiche nonché risultare semplice da pulire.

Le soluzioni per le aree di ricevimento delle materie prime comprendono:

  • rivestimenti a film sottile trasparente, che prevedono principalmente l’uso di resine ad alto potere consolidante per le superfici in cemento o calcestruzzo, come MEMBRAPOL PRIMER EPOX/W e MEMBRAPOL PRIMER EPOX/PUR;
  • rivestimenti colorati multistrato antiscivolo, utili perché permettono di aumentare il grip sulla superficie, come la resina poliuretanica bicomponente MEMBRAPOL 7100 PU OP/ANTISKID pensata appositamente per questa esigenza;
  • rivestimenti epossidici autolivellanti come quelli realizzati con MEMBRAPOL 2500 EPOX, disponibile per diversi spessori da 300 micron a 3 cm.

#2 Aree di produzione, lavorazione e imbottigliamento

Rispetto alle aree di immagazzinamento, quelle di lavorazione hanno esigenze diverse. Innanzitutto sono sempre soggette a traffico costante e a eventuali impatti dovuti al movimento di attrezzature varie. Poi, si trovano normalmente in condizioni di umidità e in presenza di molti acidi. Per questa ragione, la scelta del rivestimento in resina adatto riguarda il mantenimento di un alto livello di igiene e la garanzia di un luogo più salubre, pur risultando resistente ai carichi e all’utilizzo continuo.

Da questo punto di vista, Membrapol ha pensato a diverse soluzioni:

  • rivestimenti a film sottile colorato, condensati nella resina epossidica MEMBRAPOL 2600 EPOX/W, disponibile nelle colorazioni della nostra cartella RAL e particolarmente adatta per gli ambienti alimentari grazie anche alla certificazione HACCP;
  • rivestimenti epossidici autolivellanti, come MEMBRAPOL 2500 EPOX che abbiamo già visto o – nel caso ci sia la necessità di maggiore permeabilità al vapore acqueo, MEMBRAPOL 2500 TRASPIRANTE;
  • rivestimenti epossidici antiacido, come le due resine MEMBRAPOL 2700 EPOX e MEMBRAPOL 2900 EPOX, formulate appositamente per offrire un’alta resistenza chimica;
  • rivestimenti in poliuretano cemento, soluzione insuperabile nei casi in cui la pavimentazione deve resistere ad alte sollecitazioni meccaniche e a shock termici superiori ai 100 °C, come nel caso di idrolavaggio ad alte temperature.

#3 Area di invecchiamento

Studiare e progettare il sistema resinoso adatto per le aree di invecchiamento del vino è un passo molto importante nella realizzazione dei rivestimenti per un’azienda vitivinicola.

Di solito, la scelta tecnica si orienta verso resine che non siano soltanto impermeabili all’acqua ma anche permeabili al vapore acqueo, quali MEMBRAPOL 2500 TRASPIRANTE e MEMBRAPOL 2600 EPOX/W.

#4 Vasche per il contenimento del vino e dell’acqua potabile

Un discorso simile, almeno alle basi, si può fare per il rivestimento delle vasche che conterranno il mosto, il vino e anche l’acqua potabile. In questo caso, però, è di fondamentale importanza che le resine utilizzate siano prodotti atossici e certificati per il contatto con sostanze alimentari, in grado di garantire alti standard di igiene e sicurezza.

A questo proposito, le soluzioni che proponiamo fanno parte della famiglia degli impermeabilizzanti epossidici vetrificanti:

#5 Vasche di depurazione delle acque reflue

La composizione chimica delle acque reflue che derivano dal processo di vinificazione è caratterizzata da un’alta variabilità. Sostanze contenute nell’uva e prodotti residui dei vari processi si ritrovano insieme nelle vasche, che quindi devono avere un’alta resistenza alle sostanze chimiche e un’elevata impermeabilità all’acqua.

Une delle migliori soluzioni per esigenze di questo tipo è MEMBRAPOL 140 OS, un impermeabilizzante cementizio osmotico per il contatto con acque aggressive.

#6 Aree di degustazione e showroom

Le aree di degustazioni o adibite a showroom dell’azienda vitivinicola sono quelle maggiormente accessibili al pubblico, per visite guidate o per degustare le specialità della produzione. Anche per questi rivestimenti sono richieste caratteristiche come la resistenza, l’impermeabilità e la facilità di pulizia o sanificazione con i più comuni detergenti.

Oltre a questo, però, la pavimentazione di un’area showroom fa parte dell’immagine che la cantina vuole proporre ai suoi clienti. La scelta del sistema di resine giusto diventa quindi un fattore decisivo per la promozione della propria azienda.

Per tali aree, Membrapol ha sviluppato un linea di rivestimenti per l’interior design, MyHome & MyWork, composta da tre sistemi:

  • ESSENCE, con effetti materici appena accennati;
  • NUANCE, una resina di aspetto elegante e vellutato al tatto;
  • MICROCEMENTO, che esalta gli ambienti post-industriali con stile.

Conclusioni

La diversa natura delle aree interne di un’azienda vitivinicola impone di scegliere di volta in volta il rivestimento in resina ideale. In questo modo, sarà possibile rispettare le esigenze dei clienti ma anche le necessità che stanno alla base di ogni superficie.

Ai tanti sistemi di resine che abbiamo presentato, si accompagnano altrettante risposte specifiche, motivo per il quale il nostro consiglio è di contattarci così da trovare insieme la soluzione ideale.

No Comments

Post A Comment