Domande frequenti (FAQ)

Domande Frequenti

Membrapol,  da decenni, offre soluzioni innovative per risolvere le tante problematiche del mondo dell’edilizia. I nostri sistemi all’avanguardia, come tali, necessitano spesso di essere spiegati in maniera approfondita.

I tecnici di Membrapol sono a disposizione per rispondere alle vostre domande.

Su questa pagina, tuttavia, offriamo una raccolta dei quesiti che ci vengono posti più frequentemente riguardo il nostro settore.

Membrapol risponde sull'argomento POLIURETANO

Il poliuretano è un polimero estremamente versatile, permette di ottenere una vasta gamma di prodotti con proprietà isolanti e sfruttabili in diversi modi.

Molti oggetti, indispensabili al nostro quotidiano benessere, sono realizzati utilizzando i numerosi componenti della famiglia dei poliuretani.

  • Poliuretani compatti ed elastomerisuole per calzature, articoli sportivi, filati (lycra), piste di atletica.
  • Poliuretani per vernici e collanti: arredamento, industria automobilistica, edilizia.
  • Poliuretani speciali: applicazioni mediche (valvole cardiache, protesi, filtri per emodialisi, guanti chirurgici, sacche per sangue).

Per eseguire un’ottima impermeabilizzazione è necessaria un’accurata preparazione della superficie. Questa deve essere pulita, asciutta e in buone condizioni, libera da materiali che possono ostacolare l’ancoraggio della membrana e dalle parti staccati. L’umidità massima contenuta nella superficie non deve superare il 5%. Nuove strutture in calcestruzzo necessitano un’asciugatura di almeno 28 giorni, se non si usano additivi.

E’ possibile realizzare impermeabilizzazione con membrana poliuretanica Membrapol 250 su piastrelle esistenti, su marmo, marmette o cementine, su vecchi pavimenti in resina, oltre che su supporti cementizi. Le impemeabilizzazioni effettuate con Membrapol 250 sono conosciute per la proprietà di essere sovrapponibili con ottimi risultati sia di prestazioni meccaniche e resistenza che estetici se completati con Membrapol 400 E.

Certo. Il poliuretano monocomponente può essere usato per impermeabilizzare sottotetti, cantine, abitazioni, garage, magazzini. Ovunque ci sia necessità di isolare, impermeabilizzare o coibentare si può usare il poliuretano.

La nostra membrana poliuretanica va mescolata bene con agitatore meccanico a basso numero di giri prima dell’uso e applicata su tutta la superficie con rullo, pennello o airless. Se necessario va applicato tra tutte le proiezioni orizzontali e verticali e negli imbocchi dei pluviali Membrapol Fabric.
Onde evitare la formazione di microbolle non bisogna superare consumi superiori a 1 kg per strato.

La membrana poliuretanica va applicata quando la temperatura del supporto è compresa tra +5°C a +45°C. Bisogna evitare inoltre applicazione della membrana durante le giornate pioviose.

Nella fase di omogeneizzazione con agitatore meccanico a basso numero di giri è possibile diluire il prodotto con un massimo del 5% in peso di diluente poliuretanico. Importante non usare il diluente nitro in quanto impedisce al prodotto la giusta polimerizzazione e provoca la creazione delle bolle.

Membrapol 250 è fortemente consigliato per impermeabilizzare con e senza armatura copertureterrazzi, balconi, serbatoi, canali, condutture, coibentazioni in poliuretano espanso, solette di ponti e viadotti, parcheggi e campi sportivi, bagni, metalli, canali in alluminio, eternit, legno ecc.

Manutenzione nel tempo è molto semplice, la superficie impermeabilizzata può essere lavata con acqua e detergenti non aggressivi.

La membrana poliuretanica Membrapol 250 è disponibile in due colori bianco e grigio, nelle seguenti confezioni 25 kg, 6kg e 1kg.

MEMBRAPOL 250 ha ottenuto la Certificazione di idoneità tecnica MPA – Braunschweig secondo le direttive dell’Unione Europea per l’impermeabilizzazione di tetti esposti ad applicazione liquida, in conformità con ETAG 005. Inoltre è stato certificato dall’istituto tedesco per tecniche di costruzione DIBt – Berlin, secondo le approvazioni tecniche europee (ETA), e secondo il marchio e certificazione CE.

Membrapol risponde sull’argomento POLIUREA

La membrana poliureica spruzzata a caldo ha uno spessore che va da 1, 5 a 3 mm. Ad uno spessore così esiguo corrispondono grandi capacità di resistenza meccanica ed elevate caratteristiche di elasticità, capaci di assorbire sollecitazioni e dilatazioni anche di notevole misura.

, la poliurea, (così come il poliuretano espanso a spruzzo) è adatta ad essere posata su coperture rivestite da guaine esistenti, senza che si renda necessaria la loro dismissione. Ciò comporta un notevole vantaggio economico, eliminando i costi di manodopera per lo smantellamento ed i costi di trasporto e conferimento a discarica. Tramite un sopralluogo i nostri tecnici verificano lo stato di adesione della guaina al supporto esistente. Solo se necessario, saranno rimosse le sole parti distaccate.

No, il sistema di impermeabilizzazione effettuato con poliurea posata in opera a caldo non prevede alcun tipo di saldatura. La poliurea viene “spruzzata” in opera e dunque raggiunge qualsiasi tipo di superficie, anche quelle caratterizzate da geometrie complesse o dalla presenza di elementi discontinui. Il risultato è un “manto” completamente omogeneo, uniforme, con assenza di sormonti o giunti o discontinuità. Uno dei vantaggi principali dell’impermeabilizzazione con poliurea consiste infatti nella sua “continuità“, che mette al riparo da eventuali problemi causati da saldature mal fatte, che nel tempo possono portare a scollamenti del manto impermeabile e quindi a conseguenti infiltrazioni.

Copyright © 2018 MEMBRAPOL s.r.l. - Tel. 091 954134 - P.Iva 06279040825 | Made with by DRTADV